venerdì 26 dicembre 2008

E Matteo ce l'ha fatta!




Non poteva essere altrimenti...lui se si mette in testa di fare qualcosa poi la fa sicuramente...è un pragmatico! Nonostante ci fossero poche speranze di trovare un imbarco così all'ultimo momento, girando per i pontili proponendosi come "corvo" invece che come equipaggio... (Matteo ha avuto qualche problema con la lingua...scambiando il termine "crew" con "crow") ma qualcuno sembra aver colto lo spirito e la semplicità del personaggio, l'equipaggio di Pachamama, Swiss TOP to TOP Global Climate Expedition l'ha accolto a bordo per condividere con Matteo l'ennesima avventura... (date un'occhiata al loro sito per sapere cosa combina questa famiglia svizzera! 70’000 miglia nautiche su Pachamama, 18’000 km in bicicletta, 400’000 metri di scalate alle vette più alte del mondo ) http://www.toptotop.org/globalexpedition/pachamama.php

Special guest a bordo di Pachamama

Il link al sito ufficiale della regata:
http://rolexsydneyhobart.com/yacht_details.asp?raceEntryID=12125

Buon vento a Matteo e a Pachamama

5 commenti:

Roberto ha detto...

L'importante è partecipare.
News da Pachamama:
http://rolexsydneyhobart.com/news.asp?key=4149

Eudaimonia ha detto...

Assolutamente si! Anche se Pachamama non è competitiva con certi mostri supertecnologici è sicuramente superiore per gli ideali a cui fa riferimento e per la visione dell'andar per mare che sono le stesse di Matteo!
Noi tifiamo per Madre Terra!(questa la traduzione di Pachamama)

Roberto ha detto...

Scambi di sms con Matteo:
"Ma che state a fa', la pesca a strascico sottocosta?"

"Troppo conservativi. Con un bel vento in poppa solo con la trinchetta. Non sono abituato con 20 nodi a farne solo 5!

"Però che esperienza Dario: davanti un po' di nuvole, il tempo di mettere 3 mani e subito il vento a 40 nodi".

Per inviare sms a Matteo il numero australe è: +61405400136

Eudaimonia ha detto...

Molto conservativi!!!

Roberto ha detto...

Discutendo con Dario sull'opportunità di affrontare lo Stretto di Bass mentre un nuovo fronte si avvicina, parlando a gesti, in italiano, tedesco e inglese, intanto Matteo fa il suo percorso linguistico e conoscitivo . . .