mercoledì 20 aprile 2011

Carenaggio e altri interventi di manutenzione



Durante gli ultimi 10 mesi, da quando abbiamo acquistato Paperoga, abbiamo stilato una consistente lista di interventi necessari e di modifiche per migliorare il confort e l'uso delle attrezzature così, oltre a ciò che già abbiamo fatto fino ad ora, dal 4 di aprile fino al 19 siamo stati in cantiere a lavorare come muli...
Questi sono gli interventi fatti:

- portata l'opera viva a gelcoat mediante raschiatura delle vecchie antivegetative con il seguente raschietto e poi rotorbitale, 4 o 5 giorni di lavoro per Giorgio.


la notizia positiva è che non c'è presenza di osmosi conclamata e rimandiamo alla prossima stagione un controllo dell'umidità con lo skinder.
un poco di preoccupazione invece per lo stato del gelcoat che è consumato, graffiato e in alcuni punti, anche se piccole zone, la vetroresina è a vista; per ora abbiamo tamponato applicando resina epossidica in quei punti.



altro motivo di preoccupazione è una gran quantità di stucco nella zona di attacco della deriva allo scafo dove si erano formate bolle osmotiche dello stucco stesso. anche in questo caso rimandiamo al futuro per una sabbiatura e verifica.







- sostituzione dei plexiglass e ripristino verniciatura della zona della tuga interessata dopo rimozione della vecchia vernice deteriorata. altri 4 giorni di lavoro per me stavolta.








abbiamo sigillato con 3m 4200 e sostituito tutti i vecchi bulloni con nuovi con testa a brucola e dado ceco al posto del vecchio sistema di viti a taglio e dado a scomparsa, scomodo da tenere per avvitare.


- montati i passacime a prua. tagliato un pezzo di falchetta con il flex 



- nuove bitte di ormeggio a poppa anche qui tagliando con flex lo zoccolo di legno resinato che faceva da base alle vecchie gallocce.




- sostituita la cuffia volvo


- pulito l'elica con acido cloridrico, ingrassata e verniciata con antivegetativa
- sostituito gli anodi

fatte queste operazioni ci rendiamo conto che la boccola dell'asse va obbligatoriamente sostituita e visto che non ce la sentiamo di smontare l'elica max prop affidiamo il lavoro a un addetto ai lavori che risolve la cosa in tempi record per essere in acqua il giorno stabilito.
l'asse andrà rifatto il prossimo anno.



- disalberiamo per fare la manutenzione all'albero:
 
       -  sostituzione dei cavi elettrici, dei portalampade e luci a led per luce di fonda e motore.
       -  sostituzione faro luce ponte
       -  installato sensore del vento
       -  sostituito il windex
       -  sostituita puleggia drizza randa
       -  sostituito rinvio del lazy jack
       -  sostiuite viti rollafiocco
       -  sostiutuito riflettore radar
       -  sostiuiti passacavi in coperta
       - puliti gli arridatoi con ferrotone e pasta abrasiva, ingrassati con grasso blu
       - sostituite coppiglie
 poliuretanica e tef gel dove serviva poi lavaggio e protezione con spry al silicone sulle canaline e sulle pulegge.
       -  rialbero e regolazione sartie (da soli visto che nessuno ce l'ha potuto/voluto fare... e non era poi così difficile ed abbiamo risparmiato dei soldi)



- sostituito il cavo dell'eco scandaglio (non dava segnale ed era completamente marcio...)
- verniciatura barra timone
- verniciatura gradini della scaletta

Ma non finisce qui!!!
Ancora da fare:

- installare il monitor del vento
- sostituzione musone (arrivato ora al negozio)
- sostituire pulegge di rinvio in coperta ( c'è da smontare la controtuga)
- sostituire le sfere del rollafiocco
- mettere nuovi dadi di fermo agli arridatoi (regolare di nuovo le sartie)
- revisionare il boma ( i golfari della scotta randa e del vang hanno fatto corrosione galvanica, ci sarà bisogno di un fabbro per ripristinare)
- rifare l'impianto elettrico (un'epopea...)
- sostituire batteria motore e batteria servizi
- verniciare il carabottino e i tientibene in tuga
- sportellino quadro motore
- revisionare la zattera

e poi...navigareeeeeeee

Un grazie per i preziosi consigli e il sostegno psicologico all'amico Francesco Cannarsa  perito nautico e marittimo e agli amici del forum dei Velisti non solo per caso.

11 commenti:

cicciopettola ha detto...

ellamiseria. la state facendo nuova! .) buon lavoro!

MaxT ha detto...

Diavolo !!! Quanti lavori !
Alla fine farete il varo di una barca nuova !
Avete già preso lo Champagne ? :-)

Eudaimonia ha detto...

@cicciopettola è stata una bella fatica ma da soddisfazione :-) e anche se non abbiamo finito, credo non finiremo mai!!! almeno siamo di nuovo in porto...
@MaxT ...altro che champagne!! ora ci prendiamo un caffè e poi pulizia totale all'interno con il 100 gradi!!! :-0

Mauro ha detto...

Alla faccia della manutenzione!
Praticamente, come dice Max, Paperoga è come nuovo!
Però non credevo ci fossero così tante cose da sistemare... 8O
Almeno lavorarci sù di da soddisfazione, io lascerei la mia casa marcire, anche tagliare il prato mi da fastidio, infatti sto lasciando seccare l'erba apposta!
Pensa un po' come sto messo...

Eudaimonia ha detto...

@Mauro aivoglia se c'è da fare e non si finisce mai... tra ciò che è necessario e obbligatorio e ciò che non piace e si vuole cambiare o migliorare c'è da stare sempre impegnati. e non ti dico la spesa... ma finchè ce ne sono siamo felici di spenderli per qualcosa che ci appassiona...capisco il tuo stato d'animo nei confronti della tua casa... io il vecchio appartamento non lo rimpiango affatto! ;-) vedrai arriverà il momento anche per te e allora potrai dedicarti a ciò che più ti piace.

Mauro ha detto...

Devo fare un passetto alla volta però, ho già combinato abbastanza casini!
Intanto venderò la casa, poi comincerò a fare moooolti conti... :-(

Edo ha detto...

Ciao Sonia!!
Ambè guarda, nel caso mio le brutte sorprese erano già note. Per quest'anno vado al gelcoat, turo con dell'epossidica alla bell'e meglio e la rimetto in acqua a tirar bordi davanti a capo Mele. Estate 2012 mi toccherà la garza antisosmosi e qualche lavoro di fino (con esborso conseguente), ma l'ho davvero sottopagata... Fai conto che per impiantistica, manovre fisse, ferramenta e vele è una barca praticamente di 4 anni. Ci avevano appena speso una follia a riattarla alla grande. Opera viva da mani nei capelli, ma si recupera. Il problema sta solo nel trovare uno spazio da mi ci facciano metter le mani di mio. Oggi i cantieri sono sempre più blindati, per legge, sicurezza e altre cacate. Vedrò. Forse fra 10 mesi la remeno in sicilia e grecia e me la sistemo da me. Comunque ho serie intenzioni di tenerla in vita almeno altri 15 anni. C'est l'amour! ;-)

Eudaimonia ha detto...

ma senza arrivare in Grecia vieni a Scarlino al rimessaggio porto verde. lì fanno lavorare, speriamo anche i prossimi anni che non cambi qualcosa

Edo ha detto...

bien, grazie dell'info Sonia :-)

Eudaimonia ha detto...

@Edo you're welcome! ;-) a disposizione per maggiori dettagli!

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti e complimenti per i lavori! Molti di questi però avrebbero bisogno di essere effettuati salvaguardando un pò l'ambiente. La prossima volta, scegliete un cantiere che sia dotato di idonei sistemi di trattamento dell'aria e soprattutto dell'acqua. La barca diventa più bella e più sicura ed il mare resta pulito. Per maggiori info www.yachtgarage.it
ciao